Certificato dei Carichi Pendenti a Cremona

Se sei residente a Cremona o in uno dei Comuni per i quali è competente la Procura di Cremona, dovrai preferibilmente richiedere il Certificato dei Carichi Pendenti o “Carichi Pendenti” all’Ufficio del Casellario della Procura della Repubblica di Cremona.

Non sai come fare? Te lo spieghiamo noi in questo articolo. Prima, però, è meglio che ci presentiamo: MultiLex è una società che si occupa di traduzioni, legalizzazioni e disbrigo pratiche. Tutta la nostra attività è volta a fornire, prima di tutto, un aiuto concreto a tutti coloro che devono interfacciarsi con la Pubblica Amministrazione per richiedere un atto, un documento, una legalizzazione o una traduzione ufficiale.

Dato che accade di frequente che le informazioni fornite dal web siano insufficienti e obsolete, con questo blog vogliamo, invece, offrirti notizie certe, complete e aggiornate, in modo che tu possa anche da solo richiedere i documenti di cui hai bisogno.

Fatte le dovute presentazioni, andiamo subito a vedere come richiedere il Certificato dei Carichi Pendenti alla Procura di Cremona.

1) Cos’è il Certificato dei Carichi Pendenti

Per Certificato dei Carichi Pendenti si intende, esattamente, un documento ufficiale in cui sono riportati la maggior parte dei procedimenti penali in corso a carico del richiedente

A differenza del Certificato del Casellario Giudiziale, che può essere richiesto all’Ufficio Locale del Casellario di qualsiasi Procura, indipendentemente dal luogo di nascita o residenza del richiedente, i Carichi Pendenti devono essere preferibilmente richiesti presso la Procura competente per il tuo Comune di residenza.

Qualora tu non fossi, pertanto, residente a Cremona o in uno degli altri Comuni che ricadono nelle competenze della Procura di Cremona, richiedendo tale certificato all’Ufficio del Casellario della città lombarda, potresti ottenere un documento “negativo”, ossia non riportante procedimenti pendenti a tuo carico, pur avendo procedimenti in corso presso altri Tribunali.

2) Modalità di richiesta dei Certificati dei Carichi Pendenti alla Procura di Cremona

La richiesta del Certificato dei Carichi Pendenti deve essere effettuata allo sportello dell’Ufficio Locale del Casellario istituito presso la Procura di Cremona e ubicato all’interno del Palazzo di Giustizia in Via Jacini 6/A.

È, inoltre, possibile presentare la richiesta on line, utilizzando l’apposita piattaforma “Prenota Certificato” messa a disposizione del Ministero della Giustizia. Non è possibile, invece, inviare l’istanza tramite e-mail o PEC.

In entrambi i casi, il ritiro del certificato, una volta pronto, dovrà essere effettuato presso l’Ufficio del Casellario durante gli orari di apertura (dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 09:00 alle 13:00); suggeriamo, comunque, di chiamare sempre il numero dell’Ufficio 0372 548233 per accertarsi che non vi siano improvvisi cambiamenti dell’orario.

3) Documenti necessari

Per la presentazione dell’istanza allo sportello, dovranno essere presentati, oltre al modulo di richiesta e alle marche da bollo necessarie, anche le fotocopie della carta d’identità e del codice fiscale del richiedente.

Per i cittadini extracomunitari dovrà, invece, essere fornita la fotocopia del passaporto e/o del permesso di soggiorno non scaduto.

4) Richiesta del certificato tramite un delegato

Coloro che siano impossibilitati ad andare di persona allo sportello possono delegare una persona di loro fiducia (oppure un intermediario come MultiLex) sia per richiedere sia per ritirare i certificati.

Il delegato dovrà, a sua volta, fornire una fotocopia del proprio documento e di quello del delegante e il modulo per il conferimento della delega, debitamente compilato e firmato dall’interessato.

Qualora il delegato dovesse occuparsi anche del ritiro, questo dovrà essere già indicato all’interno del modulo di delega oppure, nel caso di richieste effettuate tramite il portale Prenota Certificato, all’interno della richiesta di prenotazione.

5) Costi dei servizi

Per ciascun certificato sono dovute una marca da € 3,92 (diritti di segreteria) e una marca da € 16,00 (imposta di bollo); per i certificati richiesti con urgenza è prevista un’ulteriore marca da € 3,92.

Esistono, tuttavia, alcuni casi in cui è possibile essere esentati dal pagamento del bollo e/o dei diritti (consulta il paragrafo 5 dell’articolo relativo alla richiesta del Certificato del Casellario Giudiziale per sapere quali sono quelli principali).

6) Tempi di rilascio presso la Procura di Cremona

I certificati richiesti senza urgenza saranno rilasciati dopo 3 giorni lavorativi; quelli urgenti, invece, quando richiesti entro le ore 11:30, vengono rilasciati in giornata, dalle ore 12:00 alle ore 13:00.

Per le richieste on line, la Procura di Cremona non prevede il rilascio con urgenza.

7) Competenza territoriale della Procura di Cremona

La Procura della Repubblica di Cremona è territorialmente competente sul Comune di Cremona e sui seguenti Comuni: Acquanegra Cremonese, Agnadello, Annicco, Azzanello, Bagnolo Cremasco, Bonemerse, Bordolano, Cà d’Andrea, Camisano, Campagnola Cremasca, Capergnanica, Cappella Cantone, Cappella de’ Picenardi, Capralba, Casalbuttano ed Uniti, Casale Cremasco – Vidolasco, Casaletto Ceredano, Casaletto di Sopra, Casaletto Vaprio, Casalmaggiore, Casalmorano, Casteldidone, Castel Gabbiano, Castelleone, Castelverde, Castelvisconti, Cella Dati, Chieve, Cicognolo, Cingia de’ Botti, Corte de’ Cortesi con Cignone, Corte de’ Frati, Credera Rubbiano, Crema, Cremosano, Crotta d’Adda, Cumignano sul Naviglio, Derovere, Dovera, Drizzona, Fiesco, Formigara, Gabbioneta Binanuova, Gadesco – Pieve Delmona, Genivolta, Gerre de’ Caprioli, Gombito, Grontardo, Grumello Cremonese ed Uniti, Gussola, Isola Dovarese, Izano, Madignano, Malagnino, Martignana di Po, Monte Cremasco, Montodine, Moscazzano, Motta Baluffi, Offanengo, Olmeneta, Ostiano, Paderno Ponchielli, Palazzo Pignano, Pandino, Persico Dosimo, Pescarolo ed Uniti, Pessina Cremonese, Piadena, Pianengo, Pieranica, Pieve d’Olmi, Pieve S. Giacomo, Pizzighettone, Pozzaglio ed Uniti, Quintano, Ricengo, Ripalta Arpina, Ripalta Cremasca, Ripalta Guerina, Rivarolo del Re ed Uniti, Rivolta d’Adda, Robecco d’Oglio, Romanengo, Salvirola, Scandolara Ravara, San Bassano, San Daniele Po, S. Giovanni in Croce, Scandolara Ripa d’Oglio, San Martino del Lago, Sergnano, Sesto ed Uniti, Solarolo Rainerio, Soncino, Soresina, Sospiro, Spinadesco, Spineda, Spino d’Adda, Stagno Lombardo, Ticengo, Torlino Vimercati, Tornata, Torre de’ Picenardi, Torricella del Pizzo, Trescore Cremasco, Trigolo, Vaiano Cremasco, Vailate, Vescovato, Volongo, Voltido.

RICORDA!

I residenti nei Comuni per i quali è territorialmente competente la Procura di Cremona dovranno, preferibilmente, richiedere il Certificato del Casellario all’Ufficio del Casellario di questa Procura, qualunque sia la modalità di richiesta effettuata.

8) Conclusioni

In questo articolo ti abbiamo fornito tutte le informazioni necessarie per richiedere il Certificato dei Carichi Pendenti alla Procura della Repubblica di Cremona.

Qualora avessi ancora qualche dubbio o volessi avvalerti della nostra intermediazione per effettuare la richiesta, non esitare a contattarci.

CONTATTACI!

Inviaci una e-mail a info@multilex.it oppure compila l’apposito modulo nella pagina dei contatti. Un nostro addetto ti contatterà nel più breve tempo possibile per esaudire ogni tua richiesta.

Richiedi un preventivo

Richiedi la consulenza
Fai da te

Trova la tua pratica nella barra di ricerca e segui le nostre guide passo dopo passo per richiedere la tua pratica in autonomia

Ricerca in Multilex
Valutazione di Google
5.0
Basato su 510 recensioni
×
js_loader
Valutazione di Google
5.0
Basato su 510 recensioni
×
js_loader