Certificato di convivenza di fatto online

Vuoi conoscere tutte le modalità per richiedere il certificato di convivenza di fatto online? Leggi questa guida o contattaci anche solo per una consulenza telefonica gratuita. Possiamo occuparci anche dell’eventuale traduzione legalizzata, certificata o giurata del tuo Certificato di convivenza di fatto.

Se devi utilizzare il certificato di convivenza di fatto all’estero potrebbe accadere che l’autorità straniera destinataria del documento accetti solo quello cartaceo firmato in originale e, quindi, non sarà sufficiente quello scaricato digitalmente. Qualora, al contrario, l’autorità straniera destinataria del documento accetti anche il documento solo digitale, potrai optare per la richiesta online.

Se, però, ti è stata richiesta anche la legalizzazione o apostille del certificato di convivenza di fatto prima del suo utilizzo, devi richiederlo obbligatoriamente cartaceo e firmato in originale.

1. Cos’è il certificato di convivenza di fatto

Il certificato di convivenza di fatto certifica la condizione di “due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un’unione civile” (art. 1, comma 36, Legge n. 76/2016). 

I due convieventi possono appartenere anche allo stesso sesso. Inoltre, i conviventi di fatto sono di stato civile libero, non essendo legati l’uno all’altro da nessun vincolo né da altro rapporto matrimoniale. 

Bisogna precisare che non vengono considerate convivenze di fatto quelle nelle quali uno dei conviventi sia solo legalmente separato (e non divorziato) dal precedente coniuge.

Questo documento deve essere richiesto presso il Comune di residenza dei conviventi e, rientrando tra i documenti di stato civile, non è soggetto al pagamento dell’imposta di bollo.

2. Richiesta sul sito del tuo Comune

La richiesta sul sito del tuo Comune è davvero semplice e consiste in pochi step:

– controlla se il Comune di riferimento ha un sito web attraverso cui poter prenotare un certificato di convivenza di fatto;

– una volta prenotato, passa allo sportello per il ritiro;

– porta con te almeno uno dei due documenti di riconoscimento dei conviventi e l’eventuale delega accompagnata, in questo caso, anche dal documento del delegato.

3. Richiesta tramite email o PEC

Alcuni Comuni mettono a disposizione dei cittadini un indirizzo email o PEC cui inoltrare l’istanza.

Controlla se anche il tuo Comune offre questo servizio. 

Non ti resta che scrivere un messaggio (email o PEC, a seconda dei casi) indicando il nome, cognome e data di nascita (di almeno di uno dei due conviventi).

Generalmente, dovrai allegare almeno uno dei due documenti di riconoscimento dei conviventi e l’eventuale modulo di richiesta messo a disposizione sul sito del Comune di riferimento.

4. Richiesta su ANPR

L’Anagrafe Nazionale Popolazione Residente è un servizio che, grazie all’enorme banca dati, consente la richiesta e l’ottenimento di molti certificati anagrafici direttamente da casa in maniera completamente gratuita.

Per ottenere il certificato di nascita su questo portale bisognerà, come prima cosa, effettuare il login attraverso identità digitale (SPID, CIE o CNS) sulla pagina dei Servizi al Cittadino dell’ANPR.

Una volta all’interno, scorri in basso finché non vedrai la scritta “Certificati”, cliccaci sopra e potrai avere accesso alla tua area personale dedicata alla richiesta dei certificati.

Subito dovrai specificare se stai richiedendo il certificato per te stesso o per un componente della tua famiglia anagrafica.

Se clicchi su “Richiedi per te stesso”, vedrai che ti apparirà un elenco di certificati tra cui potrai scegliere.

Clicca su “contratto in convivenza”, seleziona subito sotto su che tipo di carta desideri stampare il tuo certificato (carta semplice o in carta da bollo), specifica se preferisci ricevere il tuo certificato via mail o PEC oppure se ne vuoi scaricare subito una copia in PDF sul tuo PC e, infine, clicca su “Ottieni certificato”.

Se stai richiedendo il certificato per un membro della tua famiglia, invece, appena entrato nella tua sezione certificati, seleziona la voce “Richiedi per la tua famiglia”. Vedrai che comparirà una tabella con l’elenco di tutti i componenti della tua famiglia anagrafica: seleziona il nome di tuo interesse e, da qui in avanti, la procedura sarà uguale a quella vista prima qualora richiedessi il certificato per te stesso.

Il certificato di convivenza di fatto così ottenuto ha una durata di 6 mesi dalla data del rilascio.

5. Richiesta online e ricezione a domicilio

Questo tipo di richiesta non interamente online ma, sicuramente molto comoda, ti consente di richiedere il documento online e di riceverlo a domicilio tramite il servizio di Posta ordinaria (o corriere espresso).

Come fare? Come prima cosa devi verificare se il Comune di riferimento offre questa possibilità. Poi, in line generale, devi comporre un plico con, all’interno, una busta preaffrancata indicante l’indirizzo del destinatario, copia del documento di riconoscimento di almeno uno dei due conviventi e dell’eventuale delegato, eventuale delega in carta semplice e, se esistente, modulo di richiesta compilato, predisposto dal Comune.

In questo caso, generalmente, le spese di spedizione saranno a tuo carico e i tempi di consegna non possono essere mai stimati con certezza.

6. Quanto costa

Il rilascio del certificato di convivenza di fatto, in linea generale, non prevede costi eccetto per la richiesta descritta nel paragrafo relativo alla ricezione a domicilio (dove dovrai farti carico delle spese di spedizione).

7. Tempi di rilascio

I tempi di rilascio sono, generalmente, di 3-4 giorni lavorativi.

Se fai richiesta sul portale ANPR, invece, lo riceverai quasi all’istante.

Mentre, per la richiesta con ricezione a domicilio i tempi di consegna non possono essere stimati dato che dipendono dal servizio di spedizione scelto.

Contattaci anche se ti occorre il documento cartaceo firmato in originale e/o se ti occorre l’eventuale traduzione legalizzata, certificata o giurata dello stesso.

Richiedi un preventivo

Richiedi la consulenza
Fai da te

Trova la tua pratica nella barra di ricerca e segui le nostre guide passo dopo passo per richiedere la tua pratica in autonomia

Ricerca in Multilex
Valutazione di Google
5.0
Basato su 510 recensioni
×
js_loader
Valutazione di Google
5.0
Basato su 510 recensioni
×
js_loader