Guida alla richiesta del Certificato dei Carichi Pendenti presso la Procura della Repubblica di Milano

In questa guida parliamo del Certificato dei Carichi Pendenti e di come richiederlo presso la Procura della Repubblica di Milano. Puoi richiedere il Certificato anche online e te lo spieghiamo in quest’altro articolo.

1) Il Certificato dei Carichi Pendenti

Il Certificato dei Carichi Pendenti contiene “i procedimenti penali in corso a carico di un determinato soggetto e gli eventuali relativi giudizi di impugnazione” come indicato dal Ministero della Giustizia. I procedimenti penali riportati non fanno riferimento all’intero territorio nazionale, ma sono quelli in corso iscritti presso la Procura della Repubblica dove si richiede il certificato, nonché i procedimenti in corso presso le procure distrettuali antimafia (“DDA”) di cui tale Procura ha ricevuto comunicazione. 

Come indicato sul sito del Ministero della Giustizia, “in attesa dell’attivazione del casellario nazionale dei carichi pendenti, il certificato è rilasciato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale che ha giurisdizione sul luogo di residenza dell’interessato e riporta i procedimenti pendenti presso detto ufficio nonché quelli in corso presso le procure distrettuali antimafia (“DDA”), di cui ha ricevuto comunicazione. Non sussistono comunque divieti al rilascio da parte di una Procura diversa da quella di residenza, in tal caso il certificato riporterà i soli procedimenti pendenti presso il relativo Tribunale.”

Puoi dunque rivolgere la tua richiesta a qualsiasi ufficio locale del Casellario Giudiziale. Se sei nato all’estero, invece, la Procura della Repubblica competente al rilascio è quella sita presso il Tribunale di Roma.

Se hai bisogno di aiuto per richiedere il Certificato dei Carichi Pendenti, contattaci.

Il certificato è valido per 6 mesi dalla data di rilascio.

Il certificato dei carichi pendenti si riferisce solo all’ufficio giudiziario presso cui viene chiesto. Se viene chiesto presso la Procura di Milano e non si è residenti, da almeno 6 mesi, in uno dei Comuni nell’ambito del circondario della Procura della Repubblica di Milano, sul certificato verrà apposta la seguente dicitura: “Il presente certificato attesta esclusivamente i carichi pendenti presso la Procura della Repubblica di Milano”.

Clicca per vedere i Comuni di competenza della Procura di Milano

Abbiategrasso, Albairate, Arconate, Arese, Arluno, Assago, Baranzate, Bareggio, Basiano, Basiglio, Bellinzago Lombardo, Bernate Ticino, Besate, Binasco, Boffalora, Sopra Ticino, Bollate, Bresso, Bubbiano, Buccinasco, Buscate, Bussero, Busto Garolfo, Calvignasco, Cambiago, Canegrate, Carpiano, Carugate, Casarile, Casorezzo, Cassano d’Adda, Cassina de’ Pecchi, Cassinetta di Lugagnano, Castano Primo, Cernusco sul Naviglio, Cerro al Lambro, Cerro Maggiore, Cesano Boscone, Cesate, Cinisello Balsamo, Cisliano, Cologno Monzese, Colturano, Corbetta, Cormano, Cornaredo, Corsico, Cuggiono, Cusago, Cusano Milanino, Dairago, Dresano, Gaggiano, Garbagnate Milanese, Gessate, Gorgonzola, Grezzago, Gudo Visconti, Inveruno, Inzago, Lacchiarella, Lainate, Legnano, Liscate, Locate di Triulzi, Magenta, Magnago, Marcallo con Casone, Masate, Mediglia, Melegnano, Melzo, Mesero, Milano, Morimondo, Motta Visconti, Nerviano, Nosate, Novate Milanese, Noviglio, Opera, Ossona, Ozzero, Paderno Dugnano, Pantigliate, Parabiago, Paullo, Pero, Peschiera Borromeo, Pessano con Bornago, Pieve Emanuele, Pioltello, Pogliano Milanese, Pozzo d’Adda, Pozzuolo, Martesana, Pregnana Milanese, Rescaldina, Rho, Robecchetto con Induno, Robecco sul Naviglio, Rodano, Rosate, Rozzano, San Colombano al Lambro, San Donato Milanese, San Giorgio su Legnano, San Giuliano Milanese, San Vittore Olona, San Zenone al Lambro, Santo Stefano Ticino, Sedriano, Segrate, Senago, Sesto San Giovanni, Settala, Settimo Milanese, Solaro, Trezzano Rosa, Trezzano sul Naviglio, Trezzo sull’Adda, Tribiano, Truccazzano, Turbigo, Vanzaghello, Vanzago, Vaprio d’Adda, Vermezzo, Vernate, Vignate, Villa, Cortese, Vimodrone, Vittuone, Vizzolo Predabissi, Zelo Surrigone, Zibido San Giacomo.

2) Come presentare la richiesta

La richiesta può essere presentata all’Ufficio del Casellario Giudiziale personalmente o tramite un delegato. In entrambi i casi, dovrà essere presentato un documento di riconoscimento del richiedente in corso di validità. Nel caso di delega, il delegato dovrà mostrare una copia del documento di riconoscimento del delegante, oltre al proprio documento di riconoscimento.

N.B: Se sei un cittadino extracomunitario e non hai il passaporto, dovrai presentare una copia del permesso di soggiorno (con copia delle ricevute, qualora ne sia stato richiesto il rinnovo).

In pochi casi particolari, in cui a dover presentare la domanda è qualcuno che non può farlo di persona, potrà inoltrare la richiesta chi ne faccia le veci. Ad esempio:

  • per i minorenni (età inferiore ai 16 anni), la domanda dovrà essere inoltrata dai genitori; 
  • per gli interdetti, ad inoltrare la domanda sarà il tutore, che deve dimostrare la propria nomina;
  • per le persone detenute, o inserite in una comunità terapeutica, si potrà ricorrere alla richiesta tramite delegato oppure per posta.

3) Moduli per la richiesta

Per presentare la richiesta è necessario compilare questo modulo, che dovrai poi consegnare all’Ufficio del Casellario personalmente (o tramite persona delegata).  I moduli per la richiesta sono disponibili anche presso lo sportello n.13 dell’U.R.P. (Ufficio Relazioni con il Pubblico) che si trova, varcata l’entrata di Corso di Porta Vittoria, subito sulla destra.

Nell’apposito modulo dovrai indicare il certificato richiesto. Tra le opzioni è possibile anche richiedere il Certificato del Casellario Europeo, la visura o l’informazione sulle condanne emesse nel territorio dell’Unione Europea (nel caso in cui tu non sia un cittadino italiano).

Dovrai, poi, inserire i dati della persona a cui si riferisce il certificato ed alcune informazioni aggiuntive (ad esempio: il numero di copie richieste, l’eventuale esenzione dal pagamento del bollo, richieste d’urgenza, gli estremi del documento esibito).

Dovrai compilare il modulo di richiesta in stampatello.

Se la richiesta non viene fatta personalmente dall’interessato, ma si decide di delegare qualcun altro, allora occorre presentare, oltre al modulo di richiesta appena descritto, anche il modulo di conferimento della delegaAnche questo modulo va compilato in stampatello con tutti i dati della persona che viene delegata.  Ad esso, va allegata anche la copia non autenticata del documento di riconoscimento del delegante. Per quanto riguarda il documento di riconoscimento del delegato, lo si dovrà esibire al momento della richiesta.

Il modulo di delega dovrà essere firmato dal delegante.

4) Costi per ottenere il Certificato dei Carichi Pendenti

Per ottenere il certificato dovrai pagare:

  • € 3,87 per diritti di certificato;
  • € 16 per ogni marca da bollo (una ogni due pagine di certificato).

Se hai bisogno di ottenere il certificato con urgenza (ritiro immediato) dovrai pagare:

  • ulteriori € 3,87 per diritti di urgenza.

È possibile acquistare le marche da bollo presso qualsiasi tabaccheria oppure direttamente presso il tabacchi situato all’interno del Tribunale di Milano, di fronte agli Uffici del Casellario.

Nota bene: esistono casi in cui il rilascio del certificato sarà gratuito, per cui non dovrai pagare né il bollo né i diritti di certificato. Ad esempio:

  • quando richiedi il certificato per procedure di adozione, controversie di lavoro, previdenza ed assistenza obbligatorie; 
  • per esibirlo in un procedimento nel quale l’interessato è ammesso a beneficiare del gratuito patrocinio; 
  • per unirlo alla domanda di riparazione dell’errore giudiziario.

Se hai diritto all’esenzione del pagamento del bollo o dei diritti di certificato, devi mostrare la documentazione necessaria a dimostrare tale diritto.

Nei casi presenti nella tabella Allegato B del  D.P.R. 642/72 non sarà richiesto il pagamento delle marche da bollo.

5) Recarsi presso l’Ufficio del Casellario Giudiziale di Milano

L’Ufficio del Casellario Giudiziale presso il Tribunale di Milano è situato nel Palazzo di Giustizia, ingresso di Corso di Porta Vittoria (scalone principale del Tribunale), piano Terra. L’accesso è consentito previo ritiro del numero presso il numeratore che, dopo i controlli di sicurezza,  potrai trovare entrando, sulla sinistra.

Gli sportelli dell’Ufficio del Casellario Giudiziale sono quelli che vanno dal numero 5 al numero 8.

Orario di apertura al pubblico: dal Lunedì al Venerdì dalle 8:45 alle 13:00, l’erogazione dei numeri si conclude alle ore 12:30.

Nota bene!

Stante il perdurare del periodo di emergenza epidemiologica, la Procura di Milano prevede ad oggi la sola prenotazione on line del certificato dei carichi pendenti.

Una volta completata la procedura on line, verranno generati dal sistema 1) un modulo di prenotazione e 2) eventuale delega – qualora si decida di far ritirare il certificato ad un’altra persona -, che occorrerà stampare e portare con sé al ritiro. L’accesso all’Ufficio del Casellario, infatti, è consentito solo per il ritiro dei certificati richiesti on line.

Per il ritiro occorrerà recarsi fisicamente in Tribunale dopo 3 giorni lavorativi dalla richiesta on line, esclusivamente nei giorni lunedì-martedì-mercoledì-giovedì, dalle ore 9:00 alle ore 13:00.

L’accesso sarà consentito previa esibizione agli addetti alla sicurezza della prenotazione fatta on line. Si dovrà poi fare la coda per il ritiro.

Bisogna portare con sé le marche da bollo richieste per ciascun certificato (n. 1 da Euro 16,00 e n. 1 da Euro 3,87). In questo caso, è stata sospesa la possibilità di ritirare i documenti con urgenza. Le suddette marche andranno consegnate allo sportello al momento del ritiro.

6) Informazioni utili sull'Ufficio del Casellario Giudiziale di Milano

Orari: 

Lunedì: 8.45 – 13.00

Martedì: 8.45 – 13.00

Mercoledì: 8.45 – 13.00

Giovedì: 8.45 – 13.00

Venerdì: 8.45 – 13.00

Nel caso in cui tu non abbia tempo di chiedere e ritirare un certificato dei carichi pendenti presso il Casellario Giudiziale di Milano, possiamo farlo al posto tuo, contattaci o compila il modulo in questa pagina.

Un membro del nostro team si occuperà di richiedere e ottenere il certificato che, con eventuale traduzione, potrai ritirare presso una delle nostre sedi oppure verrà spedito all’indirizzo da te indicato.

    • Richiedi un preventivo o informazioni!


      Inserisci il tuo nome

      Indica una email funzionante

      L'oggetto della tua richiesta

      Il tuo messaggio

    • Roma

      Email: info@multilex.it
      Via Properzio n. 5, c/o Regus
      00193 Roma

      Milano

      Email: info@multilex.it
      Largo Francesco Richini 6, c/o Regus
      20122 Milano

      Salerno

      Email: info@multilex.it
      Via Silvio Baratta, 149
      84134 Salerno

      Lucca

      Email: info@multilex.it
      Via di Tiglio n. 1291
      55100 Lucca