Certificato contestuale o cumulativo al Comune di Catania

In questo articolo ti spiegheremo tutto quello che c’è da sapere sul certificato contestuale o cumulativo al Comune di Catania.

Non puoi o non hai tempo da dedicare a questa questione burocratica? Basterà contattarci: possiamo occuparci anche dell’eventuale legalizzazione o apostille in Prefettura e della traduzione giurata, legalizzata o certificata.

Puoi anche contattarci solo per una consulenza telefonica gratuita.

1. Cos’è

Il certificato contestuale o cumulativo è un unico documento attraverso il quale è possibile cumulare più certificati di tipo anagrafico oppure di stato civile.

Attraverso esso puoi racchiudere più certificati in un unico documento, ad un’unica condizione: i certificati che intendi cumulare devono essere intestati tutti alla stessa persona.

I certificati rilasciati dagli uffici anagrafici o online possono essere utilizzati solo nei rapporti tra privati. Per cui non sarà possibile presentare un certificato contestuale alla Pubblica Amministrazione o ai Gestori di Pubblici Servizi. Se la richiesta arriva da loro, dovrai obbligatoriamente presentare un’autocertificazione per ogni certificato richiesto.

2. Richiesta presso lo sportello

La più classica delle modalità di richiesta: lo sportello del Comune di Catania.

L’ufficio dedicato riceve senza appuntamento, dal lunedì al venerdì, dalle ore  08:30  alle ore 12:30, e il giovedì  anche di pomeriggio, dalle ore 15:30 alle 17:00.

Al funzionario incaricato dovrai mostrare:il tuo documento di identità in qualità di intestatario del certificato, una marca da bollo da euro 16,00, un’eventuale delega accompagnata dalla copia del documento di riconoscimento del delegante e il tuo documento di riconoscimento in originale.

Prima di recarti presso la sede centrale oppure presso le anagrafi decentrate, per verificare la disponibilità dell’ufficio, noi ti consigliamo di chiamare o di inviare una email (per maggiori informazioni clicca qui). 

Il rilascio è, in linea generale, a vista (eventualmente sarà il funzionario a dirti quando e se ripassare).

Per alcuni usi (che trovi a questo link) appositamente indicati dalla legge, è prevista l’esenzione dall’imposta di bollo. In caso di esenzione, bisogna versare i soli diritti di segreteria che, in questo caso, sono di euro 0,26, perché ridotti alla metà.

3. Online

Leggi la nostra guida sul certificato contestuale o cumulativo online e scopri come funziona. Puoi scaricare il documento attraverso questa modalità solo se il motivo per cui ti occorre rientra tra quelli per cui è prevista l’esenzione dall’imposta di bollo. Inoltre, il certificato così emesso ha una validità di soli tre mesi.

Speriamo di averti aiutato! Ti lasciamo i nostri contatti. Ricordati che possiamo occuparci anche della legalizzazione o apostille in Prefettura dello stesso, noi ci occupiamo anche di questo! Possiamo anche occuparci dell’eventuale traduzione giurata, legalizzata o certificata.

Richiedi un preventivo

Richiedi la consulenza
Fai da te

Trova la tua pratica nella barra di ricerca e segui le nostre guide passo dopo passo per richiedere la tua pratica in autonomia

Ricerca in Multilex
Valutazione di Google
5.0
Basato su 512 recensioni
×
js_loader
Valutazione di Google
5.0
Basato su 512 recensioni
×
js_loader