Certificato dei Carichi Pendenti a Siracusa

Devi presentare il Certificato dei Carichi Pendenti a Siracusa,ma hai dubbi sulla procedura da seguire? Allora continua a leggere: nei paragrafi che seguono c’è tutto quello che serve per ottenere questo documento presso l’Ufficio del Casellario della città bianca.

RICORDA!

Oltre ai Carichi Pendenti, devi presentare anche il Certificato del Casellario Giudiziale? Anche della richiesta di questo documento possiamo occuparci noi!

Abbiamo attivato un velocissimo servizio di consulenza telefonica gratuita. Come funziona? Prenota una chiamata, esponici le tue domande e al resto ci pensiamo noi.

1) Cos’è il Certificato dei Carichi Pendenti

Il Certificato dei Carichi Pendenti è un documento ufficiale rilasciato, in genere, dalla Procura di competenza rispetto a dove è residente l’interessato, e consente di conoscere tutti i procedimenti penali in corso a carico di un determinato soggetto e gli eventuali giudizi di impugnazione, con alcune eccezioni tra cui: 

  • Procedimenti in cui l’interessato ha assunto il ruolo di imputato relativamente a sentenze di condanna per le quali è stato concesso il beneficio della non menzione;
  • Procedimenti in corso davanti al Giudice di pace;
  • Iscrizioni relative a condanne per contravvenzioni punibili con sola ammenda.

Il documento riporta anche i procedimenti pendenti presso le procure distrettuali antimafia (DDA), di cui l’Ufficio presso cui fai la richiesta abbia ricevuto comunicazione: non essendo, infatti, ancora stato attivato, un Casellario Unico Nazionale dei Carichi Pendenti, come nel caso del Certificato del Casellario Giudiziale, il Certificato è rilasciato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale che ha giurisdizione sul luogo di residenza dell’interessato.

Controlla se il tuo Comune rientra nella competenza territoriale di Siracusa: Augusta, Avola, Buccheri, Buscemi, Canicattini Bagni, Carlentini, Cassaro, Ferla, Floridia, Francoforte, Lentini, Melilli, Noto, Pachino, Palazzolo Acreide, Portopalo di Capo Passero, Priolo Gargallo, Rosolini, Siracusa, Solarino, Sortino.

NOTA BENE!

Non esistono, comunque, divieti al rilascio da parte di una Procura diversa da quella competente in ragione della residenza, solo che, in tal caso, il certificato riporterà i soli procedimenti pendenti presso quel Tribunale.

Qualora l’interessato ritenesse di avere pendenze in corso presso più uffici giudiziari, dovrà presentare richiesta a tutte le Procure della Repubblica interessate.

2) Come richiedere il Certificato dei Carichi Pendenti

Il Certificato dei Carichi Pendenti può essere richiesto dalla persona interessata o da un suo delegato, recandosi direttamente presso l’Ufficio Locale del Casellario Giudiziale, che a Siracusa si trova presso il Palazzo di Giustizia, Viale Santa Panagia, 109, Livello 1, stanza 42.

Il nostro consiglio, per evitare di andare due volte presso la Procura di Siracusa, è sicuramente quello di prenotare il certificato online (leggi la nostra guida Certificato dei Carichi Pendenti online) è di andare presso l’Ufficio solo per il ritiro.

La richiesta può essere fatta dall’interessato anche per posta, inviando la domanda all’indirizzo sopra indicato, oppure online, collegandosi al sito del Ministero della Giustizia e indicando l’Ufficio Locale del Casellario cui vuoi inoltrare la richiesta.

3) Quali documenti occorrono

Per richiedere i Carichi Pendenti direttamente presso l’Ufficio del Casellario della Procura della città di Archimede, così come presso qualunque altra Procura, occorre compilare il modulo di richiesta, fornendo queste informazioni:

  • Dati anagrafici del richiedente;
  • Numero di copie richieste;
  • Se si tratta di richiesta urgente (in tal caso è prevista una maggiorazione dei costi);
  • Se il richiedente gode dei diritti di esenzione dal pagamento delle marche da bollo. 

La richiesta può essere consegnata anche da una persona delegata dall’interessato, munita di modulo per il conferimento della delega firmato dal delegante; alla delega dovrà anche essere allegata una fotocopia del documento del richiedente e in essa dovranno essere indicati gli estremi del documento di riconoscimento del delegato, che dovrà, poi, provvedere ad esibirlo di persona presso l’Ufficio. 

Nel caso di richiesta inoltrata per posta, occorrono:

  • Fotocopia di un documento di identità valido del richiedente o del permesso di soggiorno in caso di cittadini extracomunitari;
  • Marche da bollo necessarie a coprire i costi previsti;
  • Una busta già affrancata e compilata con l’indirizzo dell’interessato.

Se decidi di richiedere il documento tramite posta ordinaria, non possiamo darti tempi di consegna certi, in quanto dipendono dal carico di lavoro di Poste Italiane.

Per i minorenni e gli interdetti, la domanda deve essere presentata rispettivamente dal genitore esercente la patria potestà e dal tutore munito del decreto di nomina. Ai detenuti è consentito, invece, inviare la richiesta per posta o delegare ad altri il compito di richiedere il certificato in Procura.

NOTA BENE!

La Legge consente anche a persone diverse dall’interessato di procedere alla richiesta dei Carichi Pendenti. In particolare, possono richiedere tale certificato, non a nome proprio, ma riguardo terzi:

  • Le pubbliche amministrazioni o i gestori di pubblici servizi, quando il certificato è necessario per l’espletamento delle loro funzioni;
  • L’autorità giudiziaria penale, che provvede direttamente alla sua acquisizione;
  • Il difensore dell’imputato, nei confronti della persona offesa o del testimone;

Il datore di lavoro privato, ma solo se l’esibizione del certificato del carico pendente fosse prevista da contratto.

L’illegittimità della pretesa del datore di lavoro di richiedere i Carichi Pendenti di un proprio dipendente è sancita dall’Art. 8 dello Statuto dei Lavoratori e ribadita dalla sentenza n. 1912/ sezione “lavoro” del 17 luglio 2018 della Cassazione Civile, che prevede “ai fini della valutazione dell’attitudine professionale del lavoratore, solo la produzione del certificato penale” ovvero del Certificato del Casellario relativo ai soli provvedimenti penali di condanna.

4) Costi per l’emissione del Certificato dei Carichi Pendenti

Il costo da sostenere per il rilascio del Certificato dei Carichi Pendenti è di € 19,92 (di cui € 16 per marca da bollo e € 3,92 per diritti di certificato); nel caso di “certificato urgente”, occorre aggiungere € 3,92 per diritti di urgenza.

Tali importi sono corrisposti mediante l’uso di comuni marche da bollo acquistabili presso qualunque tabaccaio.

Per i certificati richiesti per posta, occorre sostenere anche le spese di affrancatura ordinarie per la spedizione del certificato (€ 1,15 verso i Paesi europei, € 2,40 verso i Paesi extraeuropei). 

Nel caso in cui, il Certificato dei Carichi Pendenti fosse richiesto per candidarsi alle elezioni, le imposte di bollo e i diritti sono ridotti della metà.

RICORDA!

Nell’ipotesi in cui tu abbia diritto all’esenzione dal pagamento del bollo e/o dei diritti di certificato, dovrai produrre idonea documentazione che provi tale diritto (ad esempio, in caso di procedimento di adozione, controversie di lavoro o procedimento in cui si è ammessi a beneficiare del gratuito patrocinio).

5) Modalità di ritiro presso il Tribunale di Siracusa

I tempi di rilascio dei Carichi Pendenti presso il Tribunale della città siciliana sono di 3 giorni lavorativi dalla richiesta, tranne che nel caso di Certificato urgente, in cui il documento sarà emesso in 1 giorno lavorativo dalla richiesta.

Il ritiro deve essere effettuato recandosi personalmente allo sportello dell’Ufficio in Viale Santa Panagia, 109, Livello 1, stanza 42. (Tel. 0931752749) negli orari di apertura, ovvero dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle ore 10:30.

Per il ritiro è possibile anche delegare un’altra persona, ma tale opzione andrà specificata nel modulo per il conferimento della delega, in cui il delegante dovrà anche indicare se il documento può essere rilasciato ad altri solo in caso di esito negativo (assenza di procedimenti) o anche nel caso di esito positivo (presenza di uno o più procedimenti).

6) Conclusioni

Ora che siamo arrivati alla fine, ritieni di essere in grado di procedere da solo alla richiesta del Certificato dei Carichi Pendenti presso la Procura della Repubblica di Siracusa?  

Se, nonostante quanto scritto in questa guida, valutassi più opportuno delegare ad altri questo impegno, puoi chiedere direttamente a noi: MultiLex si occupa, infatti, di traduzioni, legalizzazioni, e disbrigo pratiche.

Non ti resta, quindi, che contattarci e dirci quello che ti serve: oltre che dei Carichi Pendenti potresti aver bisogno del Certificato dei Carichi Pendenti in inglese o in un’altra lingua per presentarlo all’estero, oppure potrebbe servirti la traduzione certificata o la traduzione giurata o asseverata dello stesso.

CONTATTACI!

Ti serve supporto per richiedere il Certificato dei Carichi Pendenti? Invia una e-mail con la tua richiesta a info@multilex.it, oppure compila il modulo che si trova nella pagina dei contatti.

Richiedi un preventivo

Richiedi la consulenza
Fai da te

Trova la tua pratica nella barra di ricerca e segui le nostre guide passo dopo passo per richiedere la tua pratica in autonomia

Ricerca in Multilex
Valutazione di Google
5.0
Basato su 524 recensioni
×
js_loader
Valutazione di Google
5.0
Basato su 524 recensioni
×
js_loader