Certificato di matrimonio a Palermo

Tra moglie e marito non mettere il dito, dice un vecchio detto. Ma può succedere che aziende, imprese o privati potrebbero aver bisogno di una prova dell’avvenuto matrimonio e, in questo caso, è necessario presentare ai richiedenti il proprio certificato di matrimonio.

In questo articolo troverai molte informazioni riguardo alla natura di questo certificato e scoprirai tutti i modi messi a disposizione dal Comune di Palermo per farne richiesta. Se vuoi scoprire altro sull’argomento, continua a leggere!

Se vuoi delegare la tua richiesta a dei professionisti del settore, contattaci per un preventivo. Possiamo provvedere anche all’eventuale traduzione giurata e legalizzazione in Prefettura!

Sul nostro blog trovi articoli aggiornati ogni sei mesi: consultalo!

Abbiamo scritto moltissimi articoli su Palermo!

1. Cos’è

Il certificato di matrimonio è un documento al cui interno troverai elencati i dati anagrafici tuoi e del tuo coniuge e la data e il luogo della vostra cerimonia nuziale.

Ha una validità di 6 mesi dalla data del rilascio.

Ci sono però alcune cose che devi sapere prima di procedere con la richiesta del tuo certificato di matrimonio.

Prima di tutto, a quale Comune inoltrare la richiesta del proprio certificato? Semplicemente, in quello dove il matrimonio è stato celebrato. Oppure, in alternativa, si potrà farne richiesta anche al Comune in cui uno dei due coniugi aveva la residenza al momento del matrimonio.

La seconda cosa da tenere a mente è che non per tutti i tipi di matrimonio è possibile fare una richiesta di certificazione all’ufficio dell’Anagrafe comunale. In Italia, infatti, esistono tre tipi di matrimonio: quello civile, quello canonico e quello concordatario. Quello civile viene ufficializzato da un rappresentante statale e viene quindi iscritto regolarmente nei Registri di Stato Civile; quello canonico invece è di natura prettamente religiosa, viene celebrato da un ministro del culto e non ha valenza per lo Stato; infine, quello concordatario è una via di mezzo tra i due e viene celebrato da un ministro di culto ma trascritto nei Registri di Stato Civile.

Si può quindi fare richiesta del proprio certificato di matrimonio solo nei casi dei matrimoni civili o di quelli concordatari, perché sono gli unici registrati e ufficializzati dall’apparato statale.

2. A cosa serve

Il certificato di matrimonio attesta la celebrazione del rito nuziale. Al suo interno sono contenuti dati che, come si è accennato in precedenza, attengono sia alla sfera privata dei coniugi, sia a quella economica.

Per questo motivo, potrebbe esserti richiesto di fornire il certificato di matrimonio se, ad esempio, stai tentando di accendere un mutuo oppure in caso di divorzio.

3. Chi può richiederlo

Il certificato di matrimonio può essere richiesto dai coniugi stessi oppure da un terzo.

Nota bene: se il certificato di matrimonio viene richiesto dalla Pubblica Amministrazione, sei autorizzato a presentare un’autocertificazione in cui sarai tu stesso a farti garante delle informazioni che fornirai.

Se è questo il tuo caso, nulla di più semplice. Ti basterà scaricare questa autocertificazione, stamparla e compilarla in tutte le sue parti!

4. Come richiederlo a Palermo

Il Comune di Palermo mette a disposizione dei propri cittadini tre modi per poter ottenere il certificato di matrimonio. In questa sezione dell’articolo, te li elencheremo tutti, fornendoti più informazioni possibili per orientarti nella scelta del metodo a te più congeniale.

4.1. Presso lo Sportello dell’Anagrafe

Prima di tutto, il grande classico: inoltrare la propria richiesta agli uffici dell’Anagrafe comunale.

Si può accedere agli Sportelli solo previa prenotazione, che potrai effettuare attraverso i servizi online del Comune di Palermo cliccando sul pulsante piccolo a destra, “Accedi”, e compilando il form con i tuoi dati.

Dai successivi menù a tendina potrai selezionare il tipo di servizio per cui si sta richiedendo un appuntamento (nel nostro caso sceglieremo la voce “Certificati anagrafici”) e lo sportello presso il quale si desidera prenotare un appuntamento.

Ti verrà infine richiesto di specificare il giorno e la data in cui preferiresti presentarti allo sportello: se l’orario e il giorno da te indicati sono disponibili, sarà prenotato il tuo appuntamento. Riceverai una email di conferma con la ricevuta della prenotazione che dovrai stampare e presentare una volta arrivati in ufficio. La suddetta ricevuta è anche scaricabile dal sito dopo aver confermato la prenotazione.

Il giorno prefissato presentati allo sportello munito del tuo documento di identità in corso di validità e di questo modulo già compilato. Potrai disdire il tuo appuntamento inserendola data, il codice fiscale e il numero di prenotazione che troverai sulla ricevuta.

Ti ricordiamo che gli sportelli osservano questi orari di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle 08:30 alle 12:30 e il mercoledì pomeriggio dalle 15:00 alle 17:00.

Attenzione: in caso stessi inoltrando l’istanza per qualcun altro, dovrai compilare una semplice delega, su carta libera, e dovrai inoltre presentare la fotocopia della carta d’identità del richiedente.

Il rilascio è a vista e gratuito.

Questo era il metodo più canonico messo a disposizione dal Comune di Palermo per ottenere il tuo certificato di matrimonio. Se deciderai di dare una chance alle opzioni digitali, continua con la lettura dell’articolo: ti illustreremo due comode vie per ottenere il tuo certificato comodamente da casa e in maniera assolutamente gratuita.

4.2. On-line sul sito del Comune di Palermo

Per tutti i cittadini residenti a Palermo è possibile richiedere i certificati anagrafici semplicemente collegandosi al portale on-line del comune.

Nel nostro caso, quindi, vedremo come potrai ottenere il tuo certificato di matrimonio in poche e semplici mosse.

Prima di tutto, effettua il login sulla pagina del Portale dei Servizi Online con la tua identità digitale: potrai scegliere se utilizzare lo SPID oppure la tua Carta d’Identità Elettronica.

Una volta all’interno del portale, ti sarà possibile selezionare da un menù a tendina per quale tipo di certificato stai presentando la richiesta.

Tutti i certificati di Stato Civile che deciderai di scaricare attraverso il mezzo digitale, sono gratuiti e hanno una valenza e una validità assolutamente equivalenti a quelli emessi dagli uffici comunali, cioè 6 mesi dalla data del rilascio.

Una volta concluso il procedimento proposto dal portale, ti sarà possibile scaricare il tuo certificato in formato Pdf direttamente sul tuo computer.

4.3. On-line sul sito dell’Anagrafe Nazionale Popolazione Residente (ANPR)

Una vera novità, capace di rivoluzionare il nostro modo di vivere il complesso e congestionato mondo della burocrazia è arrivata in Italia il 15 novembre 2021.

Stiamo parlando del portale dell’Anagrafe Nazionale Popolazione Residente (ANPR) attraverso cui è possibile, per tutti i residenti in Italia, fare richiesta di una grande quantità di certificati anagrafici, tra cui anche il certificato di matrimonio.

La procedura è semplice e immediata. Scopriamola insieme!

Come prima cosa, accedi ad ANPR In questo caso, potrai procedere se sei in possesso dello SPID, della CIE oppure del CNS.

Quando avrai accesso alla tua pagina personale, scorri in giù finché non troverai scritto “Richiedi un certificato”, cliccaci su e completa la procedura che ti si presenterà.

Prima di tutto ti verrà richiesto di specificare se stai facendo richiesta del certificato per te stesso oppure per un componente della tua famiglia (in tal caso, clicca su “Richiedi per la tua famiglia” e ti comparirà l’elenco dei nominativi tra cui poter scegliere).

Subito dopo comparirà, in base alla tua situazione anagrafica, l’elenco dei certificati di cui è possibile fare richiesta. Seleziona “Certificato Anagrafico di Matrimonio”, specifica se desideri ottenere il tuo certificato in carta libera (e in tal caso dovrai scegliere dal menù a tendina il motivo per cui stai richiedendo l’esenzione dal bollo) oppure se desideri il documento in carta da bollo (con esenzione dall’imposta fino al 31/12/2022).

Il certificato così scaricato ha una validità di 3 mesi.

Ora non ti resterà che indicare se preferisci scaricare il tuo certificato direttamente in Pdf sul tuo computer o se invece preferisci riceverlo via e-mail.

Se vuoi, puoi leggere la guida Certificato di matrimonio online: siamo sicuri troverai tutto quello che c’è da sapere a riguardo!

Questi erano tutti i modi messi a tua disposizione dal Comune di Palermo per poter ottenere il tuo certificato di matrimonio, ma ne esiste ancora uno: contattaci per un preventivo e un membro del nostro team si occuperà di tutta la procedura per te. Possiamo provvedere anche all’eventuale traduzione giurata e legalizzazione in Prefettura!

Valutazione di Google
5.0
Basato su 444 recensioni
×
js_loader
Valutazione di Google
5.0
Basato su 444 recensioni
×
js_loader