Trascrizione di un atto di nascita estero al Comune di Torino

Leggi questo articolo e scopri come richiedere una trascrizione di un atto di nascita estero presso il Comune di Torino. 

Vuoi delegarci? Ti lasciamo qui i nostri contatti (puoi contattarci anche solo per una consulenza telefonica gratuita).

1. Di cosa si tratta

Le nascite avvenute all’estero possono essere trascritte:

– presso il Comune italiano in cui risiede l’intestatario, se maggiorenne;

– presso il Comune di residenza dei genitori dell’intestatario, se minorenne.

Oltre all’intestatario possono richiedere la trascrizione dell’atto di nascita anche:

– i genitori (se l’intestatario è minore)  o terzi delegati;

– i cittadini stranieri che hanno ottenuto lo stato di cittadino italiano o il relativo riconoscimento;

– le famiglie che hanno adottato un bambino all’estero, diventato a tutti gli effetti cittadino italiano.

La notizia della nascita può essere trasmessa anche dall’Ambasciata o dal Consolato italiano presente nel Paese di nascita estero direttamente all’Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza italiano dell’intestatario dell’atto o, se minorenne, del Comune di residenza dei genitori.

2. Quali documenti occorre presentare

Per poter richiedere e ottenere la trascrizione dell’atto di nascita estero al Comune di Torino occorre presentare:

– l’atto di nascita in originale o copia conforme dello stesso legalizzato o apostillato (se non vi è esenzione) accompagnato dalla traduzione in italiano dello stesso giurata in Tribunale (ci occupiamo anche di questa, quindi contattaci se vuoi delegare dei professionisti del settore);

– la copia del documento di riconoscimento dell’intestatario dell’atto o dei genitori (se l’intestatario è minore).

Ecco a te alcune delle esenzioni per cui la legalizzazione o apostille sul documento pubblico estero non è necessaria:

– in base alla Convenzione di Bruxelles del 25 maggio 1987, per gli atti e documenti pubblici prodotti e da far valere tra gli Stati aderenti, cioè Belgio, Danimarca, Estonia, Francia, Irlanda, Italia e Lettonia;

– per gli atti e i documenti rilasciati dalle Ambasciate e/o Consolati dei Paesi aderenti alla Convenzione di Londra del 7 giugno 1968 e da far valere negli Stati aderenti alla medesima Convenzione, cioè Austria, Grecia, Malta, Portogallo, Svezia, Cipro, Irlanda, Italia, Norvegia, Regno Unito, Svizzera, Francia, Liechtenstein, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Turchia, Germania, Lussemburgo, Polonia e Spagna;

– ai sensi del Regolamento (UE) 2016/1191, per gli atti e documenti pubblici comunitari riguardanti la nascita e le rispettive copie autentiche, da far valere negli Stati membri dell’Unione Europea.

3. Come avanzare la richiesta al Comune di Torino

L’Ufficio cui recarsi per richiedere la trascrizione è l’Ufficio nascite estere (scala a sinistra, primo piano con accesso per i disabili in via Corso Giulio Cesare, 22) che è aperto dal lunedì al giovedì, dalle ore 08:15 alle 15:00, e il venerdì dalle ore 08:15 alle 13:50. Prima di recarti in ufficio è necessario prendere appuntamento scrivendo una email a nasciteestere@comune.torino.it o una PEC a stato.civile@cert.comune.torino.it

 

Se vuoi ricevere informazioni puoi chiamare dal lunedì al giovedì, dalle 13:30 alle 15:30 ai numeri 01101125018 – 01101125027 – 01101125087 – 01101125336.

4. Quanto costa e i tempi di rilascio

Il servizio non prevede costi e viene effettuato, generalmente, a vista.

Il nostro motore di ricerca è pronto per essere consultato. Troverai molti articoli riguardanti le procedure burocratiche delle principali città italiane, tra cui anche Torino.

Richiedi un preventivo

Richiedi la consulenza
Fai da te

Trova la tua pratica nella barra di ricerca e segui le nostre guide passo dopo passo per richiedere la tua pratica in autonomia

Ricerca in Multilex
Valutazione di Google
5.0
Basato su 512 recensioni
×
js_loader
Valutazione di Google
5.0
Basato su 512 recensioni
×
js_loader