Guida alla Traduzione Giurata presso il Tribunale di Bologna

Ti mostriamo, in 7 passaggi, come fare una Traduzione Giurata (conosciuta anche come Traduzione Asseverata) presso il Tribunale di Bologna. Scopri inoltre il complesso procedimento di calcolo del costo di una Traduzione Giurata.

1) Trova un traduttore

Per prima cosa, dovrai trovare un traduttore. E infatti, mentre, per esempio, presso il Tribunale di Roma è consentito il giuramento di atti che concernono il traduttore medesimo, ciò è espressamente vietato dal Tribunale di Bologna. Pertanto, non potrai essere tu a giurare la traduzione di documenti che ti riguardano e dovrai trovare un traduttore o un’agenzia di traduzioni che lo facciano per te. Se non ne conosci, cerca su internet e accertati che abbiano recensioni recenti e che queste siano molto positive. Oppure puoi rivolgerti a noi.

Presso il Tribunale di Bologna chiunque può giurare una traduzione, non deve essere né CTU (Consulente Tecnico di Ufficio) né laureato o qualificato. Deve solo averne la competenza ed essere maggiorenne. È importante, tuttavia, che chi giura la traduzione sia effettivamente la persona che l’ha redatta, in quanto potrebbe incorrere nel reato di cui all’art. 483 del Codice Penale.

Clicca per leggere il testo dell'Art. 483 del Codice Penale

“Chiunque attesta falsamente al pubblico ufficiale, in un atto pubblico, fatti dei quali l’atto è destinato a provare la verità, è punito con la reclusione fino a due anni.

Se si tratta di false attestazioni in atti dello stato civile, la reclusione non può essere inferiore a tre mesi.”

Attenzione

Non è possibile eseguire una traduzione giurata da una lingua straniera a un’altra lingua straniera. Bisogna necessariamente passare per l’italiano. Dunque, per tradurre, ad esempio, dall’inglese al francese, è necessario fare una doppia traduzione e un doppio giuramento (con conseguente aumento dei costi!): 1) documento in Inglese + 2) traduzione in Italiano + 3) primo giuramento + 4) traduzione in Francese + 5) secondo giuramento.

2) Redazione della Traduzione Giurata

Per prassi, nella Traduzione Giurata (o Asseverata, che dir si voglia) non è possibile riportare il layout e le parti non testuali del testo sorgente.

In altre parole, timbrifirmefoto, immagini, loghi e, in generale, tutto ciò che non è mero testo, va descritto nelle note del traduttore.

Se uno qualsiasi di questi elementi o parte del testo non è abbastanza chiaro o leggibile, va specificato in nota (esempio: “firma illeggibile”, “foto sfocata”, “testo illeggibile”, etc.).

Infine, il Tribunale di Bologna richiede espressamente che la traduzione riporti nell’ultima pagina, prima del giuramento, la data in cui è stata redatta e la firma del traduttore. La data, come vedremo nella successiva sezione 4), relativa alla compilazione del verbale di giuramento, va riportata anche su quest’ultimo.

Consigli pre-consegna

Prima di affidare una traduzione al traduttore e consegnargli eventuale documentazione, accertati di aver fatto tutto quello che segue:

  • Chiedigli i tempi esatti per la consegna. Insisti su questo punto, perché un traduttore competente e affidabile fornisce sempre una tempistica;
  • Fatti dare il dettaglio dei costi, divisi per (i) traduzione, (ii) giuramento/asseverazione e (iii) marche da bollo;
  • Ci sono costi aggiuntivi per l’eventuale urgenza?
  • Verifica con il traduttore se la traduzione giurata vada spillata a documenti originali, copie conformi o copie semplici.

3) Congiunzione e marche da bollo

Il traduttore congiunge mediante spillatura (o altra forma di rilegatura) e nel seguente ordine:

a) il documento da tradurre;
b) la traduzione;
c) il verbale di giuramento compilato. Puoi scaricare qui il verbale di giuramento fornito sul sito del Tribunale di Bologna.

Il traduttore applica una marca da 16 Euro sulla traduzione se la stessa è di massimo 4 facciate (le facciate non devono superare le 25 righe) , verbale di giuramento incluso.

Alla quinta, nona, tredicesima facciata e così via va applicata un’altra marca da 16 Euro.

In alcuni casi previsti dalla legge (es.: adozione di minori, richiesta di borse di studio, cause di lavoro e previdenziali, atti soggetti a contributo unificato etc.), nessuna marca andrà applicata, in quanto vi sarà una esenzione. Gli estremi delle leggi o regolamenti che prevedono l’esenzione andranno riportati nel verbale di giuramento. Se non sei sicuro di rientrare in uno dei casi, chiedi al traduttore.

4) Compilazione del Verbale

Il verbale di giuramento viene compilato dal traduttore. Nel verbale, il traduttore:

  • inserisce i suoi dati identificativi;
  • indica la combinazione linguistica della traduzione;
  • indica il nome del/i documento/i tradotto/i.

Sappi che si possono giurare fino a 5 atti alla volta e, se ne hai di più, dovrai prendere un altro appuntamento (non è consentito nel medesimo giorno prendere due o più appuntamenti per lo stesso traduttore).

Se il traduttore è cittadino di un Paese che non appartiene all’Unione Europea, oltre ai dati del documento di riconoscimento, dovrà inserire quelli del suo permesso di soggiorno, che dovrà esibire in originale in sede di registrazione del giuramento.

5) Prenotazione del giuramento

Attualmente, per poter giurare una traduzione, bisogna prenotare un appuntamento a questo link. Nel momento in cui stiamo scrivendo questo articolo (ottobre 2020), non ci sono prenotazioni disponibili fino alla fine del 2020 (come puoi leggere nella schermata di prenotazione).

Ed infatti, sulla medesima pagina di prenotazione, viene suggerito di rivolgersi ad altri Tribunali (noi ti consigliamo quello di Modena, che è molto vicino) oppure a “Pubblici Ufficiali abilitati al servizio di Asseverazione delle perizie”, ossia i Notai.

6) Il traduttore si reca in Tribunale

Per i giuramenti vi è uno sportello dedicato, presso la sede del Tribunale, in via Farini 1, Piano terra, Stanza 3.34a.

Lo sportello è attivo il lunedì e il martedì, dalle 9.00 alle 12.00 (previo appuntamento, come visto al punto precedente) e vi si può accedere dalle ore 9.00 alle ore 11.00.

7) Registrazione del Giuramento

Il traduttore firmerà il verbale di giuramento dinanzi al Cancelliere e reciterà la formula “Giuro di aver bene e fedelmente proceduto alle operazioni e di non aver altro scopo di quello di far conoscere la verità“.

Il Cancelliere, dunque, metterà i timbri necessari e firmerà la Traduzione Giurata.

Il giuramento viene dunque registrato in un libro che contiene tutti i giuramenti in ordine cronologico.

FINE!

NB: Nella redazione di questa Guida ci siamo avvalsi anche delle istruzioni ufficiali del Tribunale di Bologna.

Hai bisogno di una Traduzione Giurata in tempi stretti? Chiedi pure a noi, è il nostro lavoro.